Descrizione Progetto

Statere di Metaponto

passa sulla foto per ingrandire
OGGETTO
Statere di Metaponto
AUTORITÀ EMITTENTE
Città di Metaponto
MATERIA E TECNICA
Argento / Coniazione
PROVENIENZA
Incerta
ZECCA
Metaponto
DATAZIONE
secc. VI-V a.C.
MISURE
Peso 7,04 gr.; diam. 26 mm
RIFERIMENTO
Grella 1990, p. 265, n. 21

COLLOCAZIONE
Palazzo della Cultura

SEZIONE
Archeologica
SALA
V

COLLEZIONE
Collezione Zigarelli

Dritto: Spiga di grano in rilievo [META]

Rovescio: Spiga di grano in incuso

Probabilmente la più antica moneta della collezione numismatica del Museo Irpino, lo statere fu coniato tra il VI e il V secolo a.C. dalla zecca di Metaponto (attuale frazione del comune di Bernalda, in provincia di Matera).
La moneta è incusa, ossia il rovescio è incavato rispetto al piano della moneta.
Sullo statere è raffigurata, su ambo i lati, una spiga di grano, simbolo della fertilità del territorio di Metaponto e del ciclo delle rinascite.
Le città greche dell’Italia meridionale utilizzavano per il commercio principalmente gli stateri d’argento e questi tipi, “incusi”, furono tra le prime monete coniate in Italia.

Condividi questa storia, scegli tu dove!