Descrizione Progetto

Presepe africano

passa sulla foto per ingrandire
OGGETTO
Presepe africano
MATERIA
Legno di ebano scuro
AUTORE
Ignoto
PROVENIENZA
Zaire (Africa)
DATAZIONE
sec. XX
INVENTARIO
n. 947
COLLOCAZIONE
Palazzo della Cultura
SEZIONE
Presepiale
SALA
Penta
COLLEZIONE
di Gisi

I primi presepi in Africa furono importati dai missionari francescani e gesuiti, tra il XIV e XV secolo, come strumento utile ad educare le popolazioni al Cristianesimo, ma non fu facile convincere gli indigeni locali che quelle figure in gesso, tutte bianche, rappresentassero Gesù e la Sacra Famiglia.
Con il tempo prevale la tradizione locale: i personaggi assumono fattezze indigene e rivelano i tratti tipici dell’arte primitiva africana. I materiali usati sono la creta cruda, il legno di ebano intagliato o legno meno pregiato spesso colorato o patinato con olio, e l’avorio per realizzare Gesù, in modo da risaltare il più possibile. I Re Magi sembrano dei capi-villaggio, i pastori portano strumenti musicali e utensili del posto e gli animali tipici del presepe europeo vengono sostituiti con quelli presenti nella savana.

Fonte: Il Museo irpino del presepio, Provincia di Avellino, a cura di Andrea di Gisi, 1998, BetaGamma editrice

Condividi questa storia, scegli tu dove!